La chiarìa è la luce che riempie il cielo quando termina una tempesta, quando tutto diventa più sereno e si può uscire di casa.

Kiarìa è anche il nome di un’azienda agricola dove lavorano ex detenuti o condannati ai servizi sociali, che vogliono superare la tempesta attraverso il lavoro e la responsabilità sociale.

I Frutti del Sole sostiene e distribuisce i prodotti coltivati da Kiaria perchè l’agricoltura biologica, quando ha una valenza sociale, diventa un modello di crescita sostenibile.

Tutti i ragazzi provengono dal Centro di Solidarietà “Il Faro” grazie all’impegno di don Antonio Cannatà, responsabile e anima spirituale dalla comunità di contrada Rakalia.

Il lavoro nei campi dell’azienda Kiarìa è l’ultimo step di un percorso che consiste in diverse fasi: l’astinenza cioè l’introduzione della conoscenza delle regole, di consapevolezza del vissuto negativo che si è fatto nel passato, l’approfondimento personale e di relazione di gruppo all’interno della comunità e, infine, l’inserimento sociale e lavorativo.

In azienda i ragazzi scoprono la bellezza e l’importanza di avere un impegno, un occupazione, il contatto con persone all’esterno che offrono accoglienza, collaborazione. Questo li gratifica e gli garantisce anche una disponibilità economica che rappresenta per loro una possibilità, la gioia per poter mandare qualcosa alla loro famiglia o comunque di non dipendere dalle loro famiglie di provenienza.

Dopo aver completato il periodo di lavoro in azienda e il percorso terapeutico la percentuale di successo personale di questi ragazzi è altissima e noi de I Frutti del Sole ne siamo orgogliosi!